Non è facile sopravvivere

Buongiorno Visionari, buon aprile… e in ritardo buon 2019!

Lo so, lo so, pensavate fossi morta, e con me il mio blog… Ci siete andati vicino.
Il 2018 per me è stato un anno di merda (scusate il francesismo), che ha ucciso letteralmente la persona a cui tenevo di più a questo mondo e mi ha portato al limite sia sul piano fisico che mentale, tanto da farmi pensare al suicidio.
Mi hanno fatto desistere dal mio intento il mio gatto, e uno psicologo.
Per adesso ho rimandato, ma non abbandonato del tutto l’idea.

Continua a leggere

Vita vissuta dal basso – Bassa, con gli occhiali, molto timida e per niente audace.

PREMESSA
Questo post ha avuto una lunga gestazione.
Scaturisce da una cosa accaduta il 2 febbraio, che mi ha portato ad affrontare i miei demoni interiori e cose che avevo rimosso.

In realtà non avrei neppure dovuto postarlo, era solo un modo per scaricare i nervi, ma poi mi sono resa conto che era scritto bene, e che magari poteva aiutare qualcuno che si trova nella mia stessa situazione. O che si trovava e ne è uscito fuori come me.
Inoltre domani è la festa della donna. Potete considerarlo come un monito a… trattarle bene.

Non lo leggeranno mai, ma in fondo in fondo, ringrazio le persone che mi hanno insultato – alcune delle quali al momento sono ancora tra i miei amici – . Sono diventata quello che sono grazie a loro.
E sono figa 😛

(PS. Raccomando l’ascolto di “Brutta” di Alessandro Canino durante la lettura. Vi posto il video di Youtube per praticità)

Continua a leggere

Hiatus

Buongiorno Visionari e buon lunedì.

Sono due mesi che non mi faccio viva da queste parti e me ne vergogno.
Non posso dire nulla a mia discolpa se non che al momento mi trovo in uno stato da hikikomori.
Sono rinchiusa in casa/ufficio ma vegeto, piuttosto che vivere, sebbene qualche sprazzo di vitalità mi sia rimasto ancora di tanto in tanto.

Non ho comunque intenzione di abbandonare questo blog, anche se con il caldo stare al pc significa morire!

Resterò in hiatus fino al 4 settembre, quando con la giornata piena e il fresco – si spera – (paradossalmente scrivo di più quando lavoro) riuscirò a riprendermi abbastanza da comunicare con pensieri intellegibili.

Buona estate, e se vi va lasciatemi un commentino dicendomi dove siete stati/andrete in vacanza!!
Intanto vi beccate qualche mia foto sulle follie che ho fatto in questi giorni di assenza…

Vita vissuta dal basso – 21 marzo, una scommessa

–  Per noi booklovers è così! Anche se abbiamo già dei libri da leggere, continuiamo a comprarne, perché ogni giorno ne escono di nuovi, e di belli, e allora …

– … Allora siete stupidi.

15775087_10210392420398453_7349799794643429212_o
Perdonate il disordine della mia nuova libreria. I libri che devo leggere sono quelli che iniziano in fondo a destra. Voi ne vedete cinque, ma riempiono tutta la mensola.

Continua a leggere

Recensione (?) librosa – “Ho mangiato abbastanza” di Giorgio Serafini Prosperi

Buonasera Visionari!

La recensione di oggi riguarda un libro che ha suscitato il vostro interesse qualche giorno fa: “Ho mangiato abbastanza”!
Qui trovate i dettagli e di seguito la mia recensione, inframezzata da appunti di vita vera* … ovvero i motivi che mi hanno portato a leggere questo volume della Sonzogno (che ringrazio per la copia) e i benefici che ne ho tratto.

IMG_20170315_135256.jpg

* NB: i miei appunti sono in corsivo e risulterà quasi come un dialogo

Continua a leggere

Letture da incubo

Ultimamente, approfittando del cellulare perennemente scarico causa problemi di connessione col jack di qualsiasi caricabatterie, ho riacceso il ToliToni.

In realtà, la sonnolenza post viaggio di una settimana e una leggera febbriciattola mi hanno costretto quattro giorni sul divano, e mi si affaticava salire due rampe di scale fino al davanzale della finestra dove riposa Haruki Murakami in versione cartacea.

Tuttavia dovevo leggere. Non avevo toccato libro – solo fumetti e riviste – per una settimana (a Lucca non si ha tempo) e avevo come un impellente bisogno di tuffarmi nella parola scritta di qualsiasi autore.

È stato questo il mio sbaglio: qualsiasi. Ne ho tanti sul ToliToni e mi sono buttata su chi? Howard Philip LOVECRAFT.

Continua a leggere

Event for you (racconto) – “Scrittori sotto le stelle” : Massimo Polidoro

Buongiorno Visionari!

Oggi, per interrompere un po’ il flusso delle recensioni vi parlerò dell’evento a cui ho partecipato e che (stranamente) si è tenuto nella mia città:

la presentazione del libro “Non guardare nell’abisso” di Massimo Polidoro.

Ho detto stranamente, e ne ho ben donde: la mia città non è famosa per il suo lato culturale, quindi eventi del genere difficilmente si tengono qui. Probabilmente è un tentativo – un po’ mal riuscito, visto la totale mancanza di pubblicità – di attirare turisti … Ma avoja a dì, io a questi “incontri con l’autore” ci ho visto sempre e solo sambenedettesi (e pure pochi).

Insomma: la mia estetista mi aveva già avvisato a metà giugno dell’arrivo di Polidoro, ma il comunicato ufficiale c’è stato solo il 27 dello stesso mese e l’orario è stato spostato uno o due giorni prima senza avvisare nessuno (perché le notizie te le devi trovare da sola, ‘nfosse mai che all’organizzatore passa per la testa di farlo sapere).

Continua a leggere

Tag tag tag tag me! I wanna be tagged! – Liebster Award #003

Buongiorno Visionari!
Oggi torniamo a parlare di Liebster Award (l’ultima parte… Ce l’ho fattaaaa!) perché sono stata taggata da ehipenny (che ringrazio)
Questa volta però il tag è un po’ diverso dal solito… Nessuna domanda, nessuna regola, solo una richiesta.
Scrive:

Se poteste scegliere 11 vostre caratteristiche, 11 aneddoti, 11 ricordi, qualsiasi 11 cose che vi riguardano e che vi raccontano, 11 libri, film… Quali sarebbero queste 11 cose?

Ho dovuto pensarci un po’ perché io stessa, per raccontarmi, non saprei da dove iniziare. Il mio ragionamento è stato ‘Cosa potrei dire dopo “Ciao, sono Claudia e ho 31 anni”’?
Queste sono le prime 11 cose che mi vengono in mente.

Continua a leggere

Vita vissuta dal basso – Comprare un libro

La mia libreria preferita a febbraio ha chiuso i battenti.

Non era l’unica della mia città, ma per me era la sola: storica, con un proprietario dalla gentilezza squisita (in realtà andava a persona, con me era di una gentilezza squisita) appassionato di Murakami e pronto a consigliarmi gli young adult che andavano di più.

In realtà dovevo rendermene conto … Le novità che arrivavano sempre più in ritardo, scatoloni che si accatastavano marchiati come “libri vecchi invenduti” quando avevano le copertine Newton&Compton nuove, e quella conversazione intercettata per caso riguardo il predominio degli e-book sulla carta stampata.

Quando mia cugina mi ha dato la notizia per me è iniziato il lutto. Sono addirittura corsa piangendo da mio padre dicendo che volevo rilevare la libreria!

Continua a leggere

Vita vissuta dal basso – Turning Japanese

(il video non è – quasi – nulla di sconcio… Ma vi spiega il titolo ^^)

Buongiorno Visionari…

Oggi devo fare una confessione…

Dovete sapere che quando ho aperto questo blog il mio obiettivo era parlare delle mie passioni.

Nella mia città, infatti, i cultori della carta stampata sono pochi, idem quelli dei grandi film, e ne è prova che le librerie stanno chiudendo  e che abbiamo un solo cinema – multisala, vero, ma pur sempre uno solo.

Continua a leggere